mercoledì, 13 dicembre, 2017
  • Home I percorsi fitwalking

    I percorsi fitwalking

    Il parco di Capodimonte il bosco di Napoli

    Napoli è una città in grado di offrire scorci suggestivi e caratteristici che ne fanno una città unica, tra questi si annovera il Parco di Capodimonte, oasi verde molto conosciuta e frequentata dai napoletani che la chiamano “Bosco di Capodimonte”

    Alla scoperta di Lecce la Firenze del sud

    Lecce è la capitale del Salento, i tanti reperti storici ed i rinomati palazzi barocchi ne fanno la “Firenze del Sud”. Il nostro itinerario inizia dal Castello di Carlo V costruito a metà del 1500 ha una particolare struttura con pianta trapezoidale e quattro bastioni, alla struttura difensiva, circondata da un fossato colmato successivamente alla fine del 1800, si accedeva attraverso due porte: “Porta Falsa” e “Porta Reale”

    Gallura, natura selvaggia tra mare e montagna

    Il percorso che proponiamo offre la possibilità di conoscere la splendida Gallura nella parte settentrionale della Sardegna, percorrendo a piedi, magari in più tappe, in bici o a cavallo 23 chilometri tra boschi di lecci, sugheri, corbezzoli, erica e lavanda e tra le bellezze granitiche del Monte Limbara (1.362 m) che sovrasta la zona con le sue rocce frastagliate scolpite dai venti e dagli agenti atmosferici

    Il Parco della Favorita un’oasi di verde in città

    Il Parco della Favorita o Real Tenuta della Favorita è l’area verde più estesa della città di Palermo. L’ingresso principale del parco è in Piazza Leoni e si estende dalle falde di Monte Pellegrino, promontorio calcareo alto oltre 600 metri che caratterizza il panorama di Palermo, alla Contrada Pallavicino.

    L’Aspromonte, un balcone verde sul mare

    L’Aspromonte è uno dei territori più antichi della penisola, la morfologia della montagna è caratterizzata da forme addolcite da altopiani che si succedono verso il basso formando come degli enormi balconi che si affacciano sul mare. La vegetazione si presenta sotto le forme più disparate ed in particolare a causa delle differenze climatiche si distribuisce asimmetricamente nei due versanti jonico e tirreno.

    Il Matese: il tetto del Molise

    Il Matese è un territorio compreso tra Molise e Campania; è percorso fin dai tempi remoti da antiche carrarecce che danno la possibilità di raggiungere le parti alte percorrendo suggestivi sentieri. Tra questi ne proponiamo uno che parte ed arriva a Roccamandolfi, piccolo centro abitato di origine longobarda a quota 819 metri a circa 30 Km da Isernia.

    Una passeggiata nella valle del Fino

    I grandi parchi come il Parco Nazionale del Gran Sasso – Monti della Laga, il Parco Nazionale della Maiella e d’Abruzzo ed il Parco Sirente- Velino offrono paesaggi incantevoli e possibilità di passeggiate ed escursioni di alto livello

    Alla scoperta della Ciociara

    Il percorso La Ciociaria è identificata con la provincia di Frosinone terra al confine tra Campania ed Abruzzo, teatro di molte vicende storiche. Città come...

    Scopriamo la città eterna attraverso i suoi parchi

    Roma è una città che non ha bisogno di descrizioni, il suo patrimonio artistico è conosciuto in tutto il mondo ed il suo fascino è senza tempo. Oltre agli itinerari più noti mirati alla scoperta delle bellezze artistiche ed architettoniche della città è possibile conoscerla percorrendo a piedi i tanti parchi, delle vere e proprie oasi verdi in cui staccare dal traffico e dal caos cittadino e ritemprarsi facendo dell’attività motoria all’aria aperta

    Nelle Marche Fitwalking con vista mare

    Il percorso La città di Ancona sorge sulle pendici settentrionali del Monte Conero anche detto Monte d’Ancona che con i suoi 572 m di altezza...

    Diego Franceschini – Ciclista

    Sono sempre andato in bicicletta, fin da quando ho memoria e ad 11 anni ho cominciato a partecipare a gare di ciclismo. Gara dopo gara, è nato in me lo stimolo a migliorare sempre di più le mie prestazioni, ad ogni costo, fino a raggiungere per primo il traguardo. Ho scoperto di avere il diabete nel 1984, all’età di 14 anni, ed allora le conoscenze scientifiche erano inferiori ad adesso, i medicinali molto meno efficaci e le tecniche di cura molto diverse.