domenica, 21 luglio, 2019
  • Home In primo piano

    In primo piano

    Risultati “Risparmio di spesa” per farmaci

    Non solo è possibile ridurre i costi del diabete con l’esercizio fisico ma è indispensabile, considerate le stime di incremento dell’impatto economico della patologia.

    Camminare. Ma quanti passi al giorno?

    Le più recenti linee guida relative alla salute pubblica affermano che accumulare nel corso della giornata almeno 30 minuti di attività fisica ad intensità moderata è sufficiente per ottenere benefici salutari significativi.

    La piramide dell’attività fisica

    l’esercizio fisico rappresenta un intervento primario per un approccio corretto al paziente diabetico in quanto può migliorare il controllo metabolico, aiutare a prevenire le complicanze cardiovascolari e favorire il benessere psicofisico.

    Attività fisica in gravidanza

    Le donne sane possono svolgere, in corso di gravidanza, un’attività fisica costante e moderata. Le donne che prima della gravidanza già facevano attività fisica possono continuare a farla tenendo conto che, comunque, è possibile che debbano modificare la durata e la frequenza della stessa sulla base delle modificazioni che si verificano nel corso della gravidanza; le donne sedentarie prima della gravidanza se vogliono iniziare una attività fisica in gravidanza devono farlo in modo graduale.

    Fitness & diabete

    Coloro che sono affetti da diabete di tipo II sanno che seguire corretti stili di vita e praticare con regolarità attività fisica può migliorare la glicemia in maniera significativa e ridurre il rischio di insorgenza di complicanze della malattia.

    Farmacovigilanza: la garanzia della sicurezza di un farmaco

    Quando si parla di farmacovigilanza si fa riferimento a tutte le attività volte a produrre e divulgare le migliori informazioni possibili sulla sicurezza dei farmaci nel loro impiego postmarketing, in modo da assicurare la presenza sul mercato di sostanze con un rapporto beneficio/rischio il più possibile favorevole.

    Progetto per la prevenzione e il trattamento del sovrappeso e dell’obesità pediatrica

    Negli ultimi anni l’obesità infantile-adolescenziale rappresenta la forma di malnutrizione più diffusa, un problema di salute ma anche di rilevanza socio-economica; l’O.M.S. la definisce un’epidemia globale (globesity).

    Attività fisica e qualità della vita nella persona con diabete

    Viviamo in un’era nella quale i livelli di assistenza sanitaria verranno sempre più valutati dal punto di vista della persona con diabete.

    Gli effetti benefici dell’attività motoria sullo stato di salute

    Sono numerosi gli studi in letteratura sugli effetti fisiologici a lungo termine dell’esercizio fisico aerobico; i principali sistemi che vengono modificati sono il cardiovascolare, il muscolo-scheletrico, l’endocrino-metabolico e l’immunitario e la sfera psichica.

    È possibile prevenire il diabete mellito di tipo 2? L’esperienza finlandese

    Un corretto stile di vita che preveda un programma strutturato di attività fisica può prevenire l’insorgenza del diabete mellito di tipo 2.

    Nicolas Amodio – calciatore

    Sono Nicolas Amodio, gioco da professionista nel Napoli Calcio ed ho il diabete. Il calcio è la mia passione, lo è stata fin da piccolo, e già a sette anni frequentavo la scuola calcio in Uruguay. Allenarmi con i miei compagni, inseguire il pallone e calciare mi hanno sempre dato forti emozioni. Ogni volta che entro in campo mi sento ripagato di tutti gli sforzi ed i sacrifici fatti per giungere a giocare a livello professionistico.