Da Rovereto sulle orme dei dinosauri

Il precorso
Il Trentino Alto Adige è conosciuto per le sue montagne e per la varietà di proposte per gli amanti dell’outdoor: sci, ciclismo, trekking, nordic walking e sul lago di Garda sport acquatici come vela, windsurf e canoa sono solo alcune delle attività che si possono praticare. Considerata l’ampia scelta, soprattutto di percorsi escursionistici adatti prevalentemente a chi già pratica trekking o cammina in montagna, proponiamo due percorsi non troppo impegnativi e accessibili a tutti che portano alla scoperta di uno splendido panorama e di un aspetto del Trentino meno conosciuto. Questo primo itinerario porta alla scoperta di due gruppi di impronte di dinosauri risalenti a 200 milioni di anni fa all’inizio del Giurassico, le impronte più grandi hanno un diametro di 30-40 centimetri ed una profondità media intorno ai 10 centimetri, per consentire una visione d’insieme nei punti migliori di osservazione sono state posizionate delle sopraelevazioni in legno. Si accede a questo percorso dal parcheggio antistante la Caverna Damiano Chiesa (520 m), grotta nella quale venne catturato Damiano Chiesa, irredentista e martire della Grande Guerra, si scende sull’asfalto fino a che, al tornante a destra, si lascia la strada per prendere a sinistra una pista sterrata. Questa è una ex strada militare che si dirige verso i Lavini di Marco, dopo circa 10 minuti di cammino appare a sinistra il grande lastrone su cui sono impresse le impronte dei grandi rettili. Si sale quindi lungo questo sentiero superando i punti di osservazione e raggiungendo una soprastante mulattiera (650 m), proseguendo su questa a sinistra si comincia a vedere il secondo gruppo di orme. Una volta superate si continua sul tracciato principale che di lì a poco inizia a scendere raggiungendo il punto di partenza la Caverna Damiano Chiesa. Questo percorso ha un dislivello contenuto (200 m) e una lunghezza di circa 5 Km è quindi un percorso che non presenta particolari difficoltà adatto anche a chi non è un esperto di cammino in montagna.

Come raggiungere il cammino dei dinosauri
In Auto: da Trento e Bolzano, seguendo l’autostrada A22 in direzione Modena prendere l’uscita Rovereto. Da Rovereto seguendo le indicazioni si prende per l’Ossario di Castel Dante da dove si prosegue lungo la Strada degli Artiglieri fino al piazzale antistante la Caverna Damiano Chiesa dove si trova un ampio parcheggio.

Commento tecnico
Poter unire aspetti di carattere culturale così speciali e particolari con un percorso che mette a disposizione le caratteristiche sia per una pratica più continuativa, sia per una visita speciale non è affatto semplice. In questo caso troviamo a disposizione entrambe le cose. Il percorso è semplice e con un dislivello contenuto. Si può praticare del buon fitwalking anche nei tratti di sentiero non asfaltato, con qualche difficoltà in più nei tratti di mulattiera. E’ comunque molto adatto a camminate a passo svelto, a escursioni sportivo-culturali e a sgambate salutistiche. Per i fitwalkers si possono sfruttare bene i tratti asfaltati e quelli sentieristici più battuti. Vista la pendenza ridotta il passo potrà essere comunque deciso e sarà possibile mantenere un buon ritmo e una buona tecnica. Nei tratti di mulattiera sarebbe più utile potersi affidare al fitwalking cross, con i bastoncini, anche se le stesse caratteristiche della strada non impediscono ad un fitwalker di ben affrontare anche questi tratti. Chi si trovasse ad affrontare il percorso per la prima volta sarà certamente incuriosito dalla sua connotazione paleontologica, e potrà dedicare qualche minuto all’osservazione delle impronte di questi animali preistorici, ma soprattutto avrà tutto il tratto di strada rimanente per riflettere sui misteri e le meraviglie del creato e della storia terrestre.

Cosa fare, dove andare
La parte meridionale del Trentino offre diversi itinerari turistici di sicuro interesse: a Rovereto, Città della Pace, hanno sede diversi musei tra cui il Mart (Museo di Arte Moderna e Contemporanea) museo fra i più importanti d’Europa che ospita importanti mostre temporanee e permanenti, il Museo Civico che produce una rassegna di film archeologici di livello internazionale, il Museo Storico Italiano della Guerra ubicato all’interno del Castello di Rovereto che documenta il primo conflitto mondiale e la Campana della Pace che ogni sera suona cento rintocchi per ricordare i caduti di tutte le guerre. La Vallagarina, valle in cui si trova Rovereto, ospita oltre al suo castello affascinanti castelli medievali come il Castello di Beseno, Castel Pietra, Castel Noarna, Castel Corno ed il Castello di Avio. Gli amanti dello sci possono invece far riferimento alle vicine stazioni di Brentonico Polsa – San Valentino e Folgaria Skitour dei Forti.

Info
Agenzia per il Turismo Rovereto e Vallagarina
www.visitrovereto.it
Tel.: 0464/430363
info@visitrovereto.it